You are here
Home >

laptopFino a qualche anno fa i computer portatili, o laptop, erano brutti, pesanti e non performanti. Oggi la situazione è completamente cambiata e sono la prima scelta quando si tratta di computer personale, ma anche lavorativo. Nella scelta del nuovo computer portatile per le proprie esigenze, che cosa bisogna guardare?

Uso. Per prima cosa bisogna capire che uso bisognerebbe farne. Se si cerca un PC per casa, anche un Windows di fascia medio bassa potrebbe andar bene. Come ordine di spesa siamo sulle 200 – 300 € . Se, invece, ne avete bisogno per lavoro, vi consigliamo di optare per computer più potenti, sia PC, meglio se Apple.

Il sistema operativo. Windows è sicuramente migliore da un punto di vista della compatibilità dei programmi, anche perché ce ne sono alcuni che girano solo sotto Win. OSX viene appena dietro, con tanti software oramai prodotti nativamente anche per il sistema operativo di Cupertino e con l’opzione del virtualizzatore per quelli che ancora non ci sono. Chiude le fila Linux, che ha la minore scelta possibile (virtualizzatore a parte).

Processore. Tre le opzioni attualmente a disposizione: Intel i3, i5 e i7. Meglio lasciar perdere gli altri processori, in quanto sono meno performanti rispetto a quelli della casa americana.

Memoria e hard disk. Con il primo termine ci si riferisce alla memoria RAM, con le opzioni da 2 e 4 GB per chi vuole andare sul risparmio, 8 o 16GB per chi, invece, preferisce delle prestazioni da primo della classe. Per quanto riguarda l’hard disk, la miglior soluzione è optare per computer che ne abbiano almeno 500 GB o 1 TB addirittura.

Portabilità, ovvero il peso del computer. Solitamente maggiore è il peso e minore è il costo del computer. Tra le alternative più leggere troviamo degli interessanti PC Sony, oltre al più classico Mac Book Air o all’ultima versione dei Mac Book Apple, per i quali siamo però su fasce alte di prezzi.

Le porte. Oggi è fondamentale avere almeno una porta USB 3.0 a disposizione, meglio se due o più. Importante è anche una presa HDMI, per poter attaccare uno schermo esterno, oppure una porta VGA.

Chiudiamo con le opzioni di garanzia, che se il computer costa poche centinaia di euro sono irrilevanti, mentre se inizia a valerne già 1.000 o più potrebbero fare la differenza sul medio / lungo periodo in termini di tranquillità.

Top